Intervista a Y2KHosting

Su quali prodotti puntate maggiormente? Puntiamo maggiormente sui piani Hosting Shared, rivolti a clienti di tipo professionale. Cercando quindi di mantenere degli standard qualitativi alti in termini di uptime del servizio e assistenza e affidabilita. Su tutti i nostri piani hosting utilizziamo il pannello di controllo Plesk, che permette al cliente di gestire autonomamente caratteristiche avanzate, come i cronjobs.

Su quali prodotti puntate maggiormente?

Puntiamo maggiormente sui piani Hosting Shared, rivolti a clienti di tipo professionale. Cercando quindi di mantenere degli standard qualitativi alti in termini di uptime del servizio e assistenza e affidabilità. Su tutti i nostri piani hosting utilizziamo il pannello di controllo Plesk, che permette al cliente di gestire autonomamente caratteristiche avanzate, come i cronjobs.

Da qualche mese abbiamo lanciato nuovi servizi, come i VPS basati su due tecnologie di virtualizzazione (Virtuozzo e VmWare).

Come affrontate il lancio di un nuovo servizio, è preceduto da un periodo di test interno o esterno all’azienda?

Il lancio di un nuovo servizio viene articolato in due fasi di testing. La prima fase, viene effettuata dal nostro personale interno, che effettua dei test in termini di robustezza, sicurezza ed affidabilità dei servizi, in diverse situazioni di carico simulato (es. i VPS sono stati testati internamente utilizzando dei tool che simulato centinaia di connessioni contemporanee da diversi IP, come se fossero visitatori dei siti veri e propri).

Terminata questa fase, parte la seconda di beta-testing, nella quale il servizio viene dato in test ad alcuni clienti, che sono interessati a provare e “stressare” il servizio.

Ultimato il beta-testing, il servizio passa in “produzione” e viene quindi commercializzato.

Quale è il segmento di clientela che maggiormente Vi rappresenta?

Il segmento di clientela che maggiormente ci rappresenta sono i webmaster, i rivenditori e le web agency che realizzano e gestiscono siti per conto dei loro clienti, e gli sviluppatori.

Abbiamo anche un’importante fetta di clientela composta da “power-users”, clienti privati, appassionati del settore e sviluppatori di software, che sono interessati ad un piano hosting che abbia delle caratteristiche avanzate e un pannello che permetta le gestione autonoma di queste caratteristiche.

Che strumenti utilizzate per promuovere i vostri prodotti a livello pubblicitario? Permettete la prova dei vostri servizi prima dell’acquisto?

Per promuovere i nostri prodotti utilizziamo, le inserzioni pubblicitarie sui siti del settore e la presenza sui motori di ricerca. Una buona fetta dei nostri clienti proviene anche dal “passaparola” di altri clienti, che soddisfatti del nostro servizio l’hanno consigliato ad altri conoscenti.

Come pensate si sia evolto il mercato dell’hosting italiano e come si evolverà nel futuro? si parla molto di una grossa differenza con i prodotti americani, è un fatto reale dal vostro punto di vista?

Vi è sicuramente una sostanziale differenza, oggi, tra il mercato dell’hosting italiano e quello americano. La quantità di risorse messe a disposizione dagli hoster americani, a parità di prezzo è in molti casi superiore. Questo dipende dal fatto che nel nostro paese i costi che un provider si trova a sostenere sono superiori, a cominciare dalla banda, che ha un prezzo notevolmente superiore rispetto agli USA. A mio parere, c’è però da dire, che molte offerte oltreoceano sono offerte “di massa”, cioè grossi provider che gestiscono decine di migliaia di siti web: questo porta sicuramente un vantaggio in termini di abbattimento dei prezzi, ma nella maggior parte dei casi, non di qualità del servizio e dell’assistenza. Ovviamente non è corretto generalizzare, ma in molti casi è così.

C’è anche da dire che vi sono molti altri provider in America, che offrono un servizio impeccabile con risposte ai ticket di assistenza nel giro di qualche decina di minuti per 24 ore al giorno.

Il mercato italiano negli ultimi 7-8 anni ha fatto passi da gigante, basti pensare al costo dello spazio web agli inizi del 2000 rapportato ad oggi. E sta pian piano continuando ad evolversi, con offerte sempre più concorrenziali in termini di prezzo. Negli ultimi mesi si sta cominciando a puntare a nuovi servizi, come quelli basati sulla virtualizzazione.

La gestione di un hosting provider è parecchio impegnativa, soprattutto dal punto di vista amministrativo, come si affronta la gestione di centinaia di clienti e della relativa assistenza ai servizi offerti?

La maggior parte delle richieste di assistenza che ci vengono inoltrare sono di carattere amministrativo. Per affrontare la gestione di centinaia di clienti è indispensabile un sistema integrato ed automatizzato di ordini/provisioning/rinnovo dei servizi. Per quanto ci riguarda, ci stiamo muovendo su questa strada, e prevediamo di automatizzare l’80% del processo di gestione entro metà del 2007. Ciò comporterà un doppio vantaggio: una maggiore autonomia per il cliente, che potrà acquistare/upgradare/configurare in modo autonomo i propri servizi ed in tempo reale, e permetterà al nostro personale di impiegare il proprio tempo per migliorare ulteriormente l’assistenza al cliente che incontra difficoltà sia a livello tecnico che amministrativo.

Quali difficoltà incontra o avete incontrato personalmente nell’avvio di un’azienda di servizi hosting? Quale peso ha la scelta di una buona strategia di marketing e il confronto con il resto del mercato nell’avvio di un servizio hosting?

Il confronto con il resto del mercato e l’attenzione alle esigenze del cliente è fondamentale per l’avvio di un azienda di servizi hosting. Noi abbiamo puntato sin dall’inizio a commercializzare dei prodotti rivolti ad una utenza professionale, ad un prezzo contenuto ma un po’ superiore rispetto all’hoster low-cost. La sfida da vincere, in un mercato dove negli ultimi anni gli, nascono e scompaiono continuamente hosting provider improvvisati, è quella di infondere nel cliente la certezza di aver affidato il proprio sito web ad una struttura che punta alla qualità dei servizi erogati e all’assistenza continua.

In caso di emergenza, come Vi strutturate per risolvere e eventualmente informare la Vs. clientela dell’ accaduto ?

In caso di emergenza abbiamo personale in web farm, pronto ad intervenire 24 ore su 24. Il personale si attiva immediatamente per risolvere il problema, ed entro qualche decina di minuti viene pubblicato un avviso sul nostro sito web, relativo al problema e all’evolversi dei lavori in corso.

Domande di carattere tecnico

Dove avete posizionato i vostri server e perché?

i nostri server sono posizionati nella web farm Colt di Torino. Abbiamo scelto questa ubicazione grazie alla partnership intrapresa ormai da diversi anni con Colt Engine, che ci permette di garantire gli standard qualitativi che ci prefiggiamo, grazie anche alla enorme quantità di banda a disposizione.

Tipologia di Hardware utilizzato ?

Tutti i nostri server sono DELL. Per la maggior parte Dual CPU e Dual Cpu Dual Core. Con hard disk SCSI o SATA in Raid e alimentatori ridondati. La RAM varia da un minimo di 2 a 16GB, a seconda del tipo di server.

Molti servizi basati sulla virtualizzazione, quali i VPS VmWare e Virtuozzo e vengono erogati mediante un sistema di storage centralizzato con dischi in Raid 5 su SAN in fibra ottica. Questo ci permette di assicurare un livello di affidabilità altissimo per quanto riguarda i dati presenti sulla SAN.

Sistemi Operativi utilizzati ?

I sistemi operativi utilizzati per la maggiore sui nostri server sono Linux Debian e Windows Server 2003 Web Edition e Standard.

Sistemi di sicurezza Attivi & Passivi utilizzati ?

Firewall hardware e firewall software su ogni server. Antivirus e sistemi anti DDoS sia hardware che software. Sistema di monitoring dei server ogni 3 minuti 24/ore su 24.

La webfarm è dotata di sistema antincendio, gruppi di continuità, UPS, sale dati climatizzate, entrata esclusivamente per il personale autorizzato tramite badge, sorveglianza 24 ore su 24, telecamere a circuito chiuso.

Fornite SLA ? Se sì, quali?

Garantiamo un uptime di rete del 99.9% e un uptime dei server del 95%. Maggiori dettagli all’url: http://www.y2khosting.biz/garanzia.php