Islanda: finalmente la realizzazione di un grande data center

Datacenterknowledge riporta la notizia di un nuovo data center che nascera finalmente in Islanda, paese che per anni ha promosso la bonta del proprio territorio per la realizzazione di data center: i vantaggi sono diversi e riguardano principalmente l'alimentazione energetica, tramite fonti rinnovabili, e soprattutto il condizionamento, possibile al 100% tramite il free-cooling, ovvero facendo si che l'aria esterna venga utilizzata per raffreddare l'interno del data center.

Datacenterknowledge riporta la notizia di un nuovo data center che nascerà finalmente in Islanda, paese che per anni ha promosso la bontà del proprio territorio per la realizzazione di data center: i vantaggi sono diversi e riguardano principalmente l’alimentazione energetica, tramite fonti rinnovabili, e soprattutto il condizionamento, possibile al 100% tramite il free-cooling, ovvero facendo si che l’aria esterna venga utilizzata per raffreddare l’interno del data center.

La compagnia che ha iniziato la realizzazione del data center, Verne Holdings, ha annunciato di aver ricevuto l’appoggio di Wellcome Trust, una fondazione benefica che si occupa di ricerca a livello mondiale e che attualmente detiene un patrimonio di 21 miliardi di dollari in investimenti.

Il data center avrà una estensione di 44 acri e permetterà di ospitare clienti interessati ad un data center completamente green, senza alcuna ulteriore spesa: il free-cooling verrà utilzzato durante tutto l’arco dell’anno, con l’uso di energia idroelettrica e geotermica. Ai clienti verrà data la possibilità di scegliere fra una parte del data center con potenza massim di 2.4 MW di potenza e una a 1.2 MW di potenza. Sembra che il progetto sia completo anche sul fronte della connettività, con un collegamento diretto ai 3 cavi sottomarini che raggiungono l’isola.

Rimane da capire se l’investimento avrà il successo sperato, la distanza e la connettività potrebbero essere il maggiore problema, soprattutto per la collocazione di clienti di alto livello.