La Casa Bianca sceglie Drupal per il sito ufficiale whitehouse.gov

La Casa Bianca ha scelto Drupal, il famoso CMS opensource apprezzato in tutto il mondo per la sua stabilita e la possibilita di essere arricchito con decine di plugin e moduli. Il sito web ufficiale, WhiteHouse.gov, affidato alla compagnia General Dynamics Information Technology, funziona attualmente su una installazione, molto personalizzata, di Drupal. La scelta e ricaduta su Drupal per la facilita di espansione e per l'integrazione dei contenuti multimediali, una mossa molto voluta dallo stesso presidente Obama e dallo staff "tecnologico" che si occupa della comunicazione.

La Casa Bianca ha scelto Drupal, il famoso CMS opensource apprezzato in tutto il mondo per la sua stabilità e la possibilità di essere arricchito con decine di plugin e moduli. Il sito web ufficiale, WhiteHouse.gov, affidato alla compagnia General Dynamics Information Technology, funziona attualmente su una installazione, molto personalizzata, di Drupal. La scelta è ricaduta su Drupal per la facilità di espansione e per l’integrazione dei contenuti multimediali, una mossa molto voluta dallo stesso presidente Obama e dallo staff “tecnologico” che si occupa della comunicazione.

GDIT si è affidata a sua volta a diverse firme famose nel mondo di Drupal, tra cui Aquia, specialista nella creazione e gestione di ambienti Drupal-based. La scelta di un ambiente opensource è anche il miglior modo per abbracciare lo spirito di collaborazione dietro allo scenario opensource, facendo si che il sito della Casa Bianca possa di fatto aprirsi per nuovi plugins o proposte sviluppate direttamente dalla community. A capo di Aquia, e dietro la realizzazione del nuovo sito basato su Drupal, vi è Dries Buytaert, niente di meno che il creatore del noto CMS.