Cloud Computing IaaS, funzionamento ed esempi

Quarta puntata della guida al cloud computing di HostingTalk.it, dopo aver analizzato i principi base del cloud computing, la storia di questa tecnologia e le tipologie (privato, pubblico e ibrido), iniziamo a scendere nei dettagli, andando a capire come funziona il cloud computing IaaS, Infrastructure as a Service. Vediamo dapprima di capire dove si colloca questa tipologia nelle tre definizioni classiche: IaaS (Infrastructure as a Service) , PaaS (Platform as a Service) e SaaS (Software as a Service).

Infrastructure as a Service, come funziona

IaaS rappresenta il livello di astrazione più basso e corrisponde all’utilizzo di una macchina virtuale che l’utente può configurare con un livello di granularità molto fine adattandola alle proprie esigenze nel modo più opportuno. Il NIST, ovvero il National Institute of Standards and Technology, l’agenzia del governo degli Stati Uniti d’America che si occupa della gestione delle tecnologie, definisce il cloud Iaas come quel servizio che fornisce all’utente la capacità di elaborazione, storage, le reti ed altre risorse di calcolo fondamentali;  l’utente è in grado di distribuire ed eseguire software arbitrario, che può includere sistemi operativi e applicazioni. L’utente non gestisce, ne controlla l’infrastruttura cloud sottostante nuvola ma controlla tutto il resto.

 

Cosa significa tutto questo? In una sola parola viene spiegato con il termine di virtualizzazione. IaaS è il servizio più vicino a ciò che forma il cloud, perché acquistando questo servizio abbiamo a disposizione una completa virtualizzazione dell’hardware di un server tradizionale (CPU, RAM, Storage e schede di rete con connettività).

 

Le infrastrutture di tipo IaaS sono gestite tramite un sistema di virtualizzazione, basato sui principali hypervisor, che consentono la creazione di istanze virtuali ai clienti: non viene fornito alcun supporto managed, pertanto il cliente è libero di creare una propria infrastruttura virtuale all’interno della cloud, facendo uso di componenti del networking, come switch e load balancer virtuali, o ancora componenti di storage.