Microsoft ha lanciato Enterprise Mobile Suite

EMS è pronta a sfidare VMware e Amazon nel settore del mobile device management. Ecco i primi dettagli ufficializati da Microsoft.

Anche per Microsoft è giunto il tempo di entrare nel campo del mobile device management (mdm): ricordate le recenti mosse di VMware e Amazon? Gli analisti, pur accogliendo positivamente la mossa di Redmond, non hanno comunque perso l’occasione di “tirare” le orecchie alla compagnia: per Jack Gold di J. Gold Associates “Microsoft ha capito che se vuole tenere il passo deve espandersi anche nel mobile, anche perchè attualmente non ricopre un ruolo chiave [nel settore] cellulari e tablet”. E ancora, parafrasando una seconda dichiarazione, sorprende come si sia arrivati così in ritardo ad accogliere una richiesta che da tempo veniva avanzata dai clienti – costretti a ricorrere a servizi di terze parti.

Il nuovo CEO Satya Nadella ha in ogni caso giocato il proprio “asso mdm” in occasione del lancio del noto software Office per iPad, altro evento atteso da tempo secondo molti recensori di software online. Enterprise Mobile Suite (EMS) è invece il nome della piattaforma mdm/mam (mobile application management) che consentirà di gestire  dati di accesso, identità user, applicazioni etc dei device abilitati e molto altro.

Per il momento non sono stati rilasciati molti dettagli in merito a EMS, lo stesso CEO si è limitato ad aggiungere, riportando l’esempio di EMS funzionante con Office per iPad, che “a tempo debito” la suite aggiungerà il supporto ad altre sistemi opearativi  come ad esempio Android.

microsoft emsIn aiuto dei giornalisti più curiosi è giunto tuttavia il vicepresidente della sezione “cloud and enterprise” Microsoft, Brad Anderson, che nel suo blog ha rivelato altre informazioni.

In primo luogo che la licenza di utilizzo facente capo ai “tool” che elencheremo a breve sarà legata all’utilizzatore e non al device, in poche parole l’intestatario del contratto potrà usufruire di EMS su più di un dispositivo. In secondo luogo sono stati descritti alcuni dei servizi inclusi in EMS, ovvero:

– per la sicurezza “Azure Right Management”, già presente in Office 365 ma con un supporto esteso ora ad Exchange, Windows Server e SharePoint;

Windows Intune per il mdm e mam : le attuali funzionalità su sistemi iOS consentono di gestire la posta elettronica, resettare la password del device o bloccare il device, proteggere i dati sensibili, formattazione selettiva dei dispositivi;

Azure Active Directory per tutto quel che riguarda il log-in in ambiente Office 365 e l’utilizzo degli altri servizi cloud.

Sempre secondo quanto postato da Brad Anderson, nel mese di Aprile saranno apportati alcuni aggiornamenti in modo da aumentare il supporto per i device Android e preparare EMS al prossimo update  di Windows Phone e “desktop”.