Microsoft presenta il suo tablet: Surface

Microsoft ha imparato molto da Apple, e negli ultimi mesi ha lavorato ad un proprio tablet, senza lasciare che il mercato fosse nemmeno in dubbio sulla possibilita di un'entrata dell'azienda in questo settore. Nella giornata di ieri, durante la notte italiana, Microsoft ha riunito un ristretto numero di giornalisti per presentare Surface, il prossimo tablet marchiato Microsoft, disponibile con processore ARM e con processore X86, rispettivamente HD e FullHD.

Microsoft ha imparato molto da Apple, e negli ultimi mesi ha lavorato ad un proprio tablet, senza lasciare che il mercato fosse nemmeno in dubbio sulla possibilità di un’entrata dell’azienda in questo settore. Nella giornata di ieri, durante la notte italiana, Microsoft ha riunito un ristretto numero di giornalisti per presentare Surface, il prossimo tablet marchiato Microsoft, disponibile con processore ARM e con processore X86, rispettivamente HD e FullHD.

microsoft-surface-16-verge-1200_gallery_post

E’ evidente che anche per le dimensioni ci sia lo zampino di casa Apple: Microsoft ha scelto di rendere il proprio tablet molto sottile e con schermo da 10,6 pollici, una scelta azzeccata perchè già testata sul mercato da un tablet di dimensioni generose come iPad. La casa di Redmond monta all’interno del sistema Windows RT per la versione ARM e Windows 8 PRO per la versione X86, oltre a consentire agli utenti di utilizzare una porta USB 2.0 e HDMI collocate direttamente sotto al tablet. 

microsoft-surface-22-verge-1200_gallery_post

microsoft-surface-3-07_gallery_post

Contrariamente all’iPad, Surface si presenta con la possibilità di avere direttamente una tastiera che estende le funzionalità e migliora l’utilizzabilità: per gli utenti di casa Microsoft è evidente che non si possa rinunciare alla possibilità di utilizzare il tablet anche come vero e proprio computer, ovunque ci si trovi. 

Schermata 06-2456098 alle 08.29.43

Schermata 06-2456098 alle 08.29.20

Microsoft non ha rilasciato alcuna informazione sulla data di lancio si Surface sul mercato nè tanto meno sul prezzo al pubblico dello stesso, due informazioni che probabilmente scopriremo nei prossimi giorni. A fine mese anche Google dovrebbe lanciare il proprio tablet, e non sarebbe strano se Microsoft attendesse proprio questo annuncio per poi decidere gli ultimi aspetti della sua strategia per il mercato italiano. 

Ottime notizie per la cloud

E’ evidente che anche l’ingresso di Microsoft nel settore tablet, direttamente, come produttore hardware e software, dà maggior importanza ai servizi di cloud computing. Non è difficile immaginare che Redmond stia spingendo in questa direzione anche per supportare i milioni di utenti, anche enterprise, che useranno i suoi tablet e dovranno gestire qui i propri dati. Le versioni di Surface saranno da 32 e 64 GB di memoria, è chiaro quindi che la maggior parte dei dati sarà online, in servizi come SkyDrive, integrato direttamente all’interno di Windows 8. 

La buona notizia è che il cloud computing viene fortemente alimentato dalla diffusione dei tablet e in generale dei dispositivi mobile. CloudTalk.it ha analizzato questo aspetto proprio pochi giorni fa, trovando un ottimo legame tra tablet e cloud computing. Certo non siamo di fronte ad un prodotto Apple, per cui saranno tante le aziende che cercheranno di dominare questo settore dal punto di vista del software e dei servizi, a partire da compagnie come Box.net e altre come Dropbox, che ora devono lavorare per arrivare anche su queste piattaforme. 

L’ingresso di Microsost potrebbe voler dire una espansione più rapida dei tablet nel mercato enterprise, grazie ai milioni di utenti che già utilizzano Microsoft in azienda: è evidente che il tablet di MS si integri meglio nelle reti aziendali esistenti e abbia policy di gestione più semplici per i sysadmin, elementi che potrebbero spingerlo ad una maggiore diffusione in azienda. Senza contare che Microsoft punta come sempre sul corredo software “esclusivo”, ovvero quei milioni di utenti che non possono vivere senza Office, nemmeno sul tablet. 

La follower di Apple

Microsoft sta inseguendo Apple, oramai è del tutto evidente. Lo ha fatto con Windows Phone e lo sta facendo ora con i tablet, ma il successo è ancora davvero molto lontano. Windows Phone ha un market share ancora molto molto basso, inferiore al 10%, e Microsoft sembra non capire che il vero successo di Apple è anche nell’AppStore, non a caso anche Android non è riuscito a replicare il modello Apple e a ottenere lo stesso livello di fiducia degli sviluppatori. 

Surface può avere successo, questo è certo, ma copiare il modello Apple, senza aggiungere nulla ad esso, sta divenendo una strategia pericolosa per Microsoft, costretta ad essere sempre inseguitore dei trend del mercato, senza poterne creare di nuovi. Con Windows 8 e l’interfaccia Metro ha giocato il ruolo di innovatore ma bisogna lasciare agli utenti la possibilità di giudicare sulla sua usabilità e funzionalità, neanche questo è scontato del tutto.