OVH, quanti data center costruisci con 181 milioni di dollari?

10 banche unite per finanziare con 180 milioni di dollari la crescita di OVH negli Stati Uniti: la compagnia lo dice chiaramente, nessuno ha mai raccolto così tanto tra le compagnie europee. Ma lo sappiamo tutti: non è solo rose e fiori il network di OVH, è il motivo per cui in Europa c'è ancora molta concorrenza pronta a fronteggiare OVH.

Ben 181 milioni di dollari per costruire nuovi data center negli Stati Uniti e portare così il fenomeno di OVH anche oltreoceano. Creata nel 1999, oggi la compagnia è un vero colosso, con oltre 140.000 server gestiti nel mondo e un tasso di crescita che fa paura un po’ a tutti i “vicini” europei, anche a chi come Aruba ora si prepara a fare diretta concorrenza con la compagnia, direttamente in Francia. Octave Klaba, fondatore di OVH, dice che i soldi raccolti danno ossigeno alla compagnia per i prossimi 2 anni, per completare gli investimenti sia a livello Europeo sia a livello USA: ad oggi il gruppo gestisce ben 11 data centers, ma l’obiettivo è quello di espandersi in Nord America dove la compagnia è già presente con un data center in Canada; un investimento così grande è necessario perchè coprire tutto il territorio degli Stati Uniti è tutt’altro che semplice, basti pensare che in OVH stimano la necessità di almeno 3 data center, per coprire il centro America e le due rispettive coste. Solamente il 70% di quanto raccolto andrà a coprire gli investimenti, il restante 30% sarà auto finanziato dalla compagnia. 

Negli USA vedremo probabilmente applicate le stesse strategie che hanno funzionato in Europa: un network veramente molto esteso con prezzi concorrenziali. C’è da dire però che ultimamente la rete di OVH ha fatto sorgere più di un dubbio, con un paio di casi notificati sulla nostra community che fanno capire come OVH non possa essere sempre la scelta migliore quando si parla di business online. OVH rimane comunque uno dei più grandi gruppi hosting al mondo, focalizzato tra l’altro su tutta una varietà di servizi che vanno dalla connettività al VOIP fino a servizi spesso più orientati alle piccole e medie aziende.