Rackspace vuole chiudere Slicehost: difficile gestire due piattaforme

Rackspace ha deciso di chiudere Slicehost e di migrare i clienti sull'attuale servizio Cloud Server della compagnia. Slicehost e una delle voci chiave nella storia del cloud computing di Rackspace, acquisita solamente nel 2008, e stata la compagnia che ha permesso di progettare e portare online la soluzione Cloud Server della compagnia, dando vita a quello che oggi e il principale servizio concorrente di Amazon EC2.

Rackspace ha deciso di chiudere Slicehost e di migrare i clienti sull’attuale servizio Cloud Server della compagnia. Slicehost è una delle voci chiave nella storia del cloud computing di Rackspace, acquisita solamente nel 2008, è stata la compagnia che ha permesso di progettare e portare online la soluzione Cloud Server della compagnia, dando vita a quello che oggi è il principale servizio concorrente di Amazon EC2. Nel frattempo Slicehost ha continuato a rimanere online, fornendo soluzioni VPS di vario tipo, con un modello molto simile a quello di operatori come Linode. 

Come Cloud Server, le istanze create all’interno di Slicehost sono basate su Xen, e Rackspace ha continuato a sviluppare i due prodotti in parallelo, cercando di mantenere una sorta di sincronizzazione fra i due. Ora sembra che questo non sia più possibile e il management di Rackspace ha annunciato che Slicehost verrà definitivamente chiusa e i clienti attuali migrati all’interno dei servizi cloud. 

I due servizi sono però molto diversi, da una parte abbiamo esclusivamente un servizio di VPS, dall’altra una piattaforma di cloud computing con costi e modalità di servizio diversi: i clienti che oggi utilizzano Slicehost potrebbero di fatto avere esigenze diverse da quelli di Cloud Server, pur considerando che i due prodotti appartengono alle stesse “menti” e sono quindi organizzati in maniera simile a livello di infrastruttura. Sul forum della compagnia sono stati già aperti una serie di thread che contestano la decisione e chiedono maggiori informazioni su come avverrà la migrazione alla nuova piattaforma.