Shared Colocation e Dedicated Hosting, la guida

Quando usiamo Internet per accedere al World Wide Web, diventa facile dare per scontato cio che sta effettivamente accadendo effettivamente. L'apparente semplicita nasconde il reale livello di complessita che permette al web di funzionare. Connettere il computer alla linea telefonica, avviare il browser e trovare un sito web sono operazioni che racchiudono una serie di tecnologie di intercomunicazione e sistemi nascosti al pubblico.

Considerazione tecniche

Occorre fare un gran numero di considerazioni tecniche quando si sviluppa una strategia di hosting. Alcune saranno di tipo strumentale determinando se scegliere una soluzione interna o esterna, altre verranno fatte a prescindere dalla strada scelta.

Questo capitolo esaminerà le più importanti tra le considerazioni tecniche e spiegherà le loro implicazioni sulla scelta delle opzioni di hosting.

Sistema operativo

Il sistema operativo e il software saranno l’aspetto più significativo relativamente al successo e all’affidabilità dell’hosting. Il sistema operativo è il software che permette al server di funzionare. Questo vale per ogni tipo di computer, non solo per i server. Il vostro PC di casa tipicamente avrà installato Microsoft Windows 98, Windows XP o similari. Allo stesso modo, un server per hosting web ha un sistema operativo installato e funzionante. I tipi più comuni di sistemi server per hosting web sono Microsoft, NT o Windows 2000, o software “open source” come Unix o uno dei suoi derivati, più comunemente Linux.

In generale, open source viene riferito a programmi il cui codice sorgente (il codice del linguaggio del programma) è reso disponibile per l’uso e le modifiche da parte degli utenti, o altri sviluppatori, che le ritengano appropriate. (Storicamente, chi realizza software proprietari generalmente non rende disponibile il codice sorgente). Il software open source è solitamente sviluppato come una collaborazione pubblica e reso disponibile gratuitamente.

Il dibattito tra Microsoft e Linux è una battaglia aperta ed entrambi hanno i loro pro e i loro contro. L’opinione generale ritiene che la piattaforma Linux/Unix sia più robusta. Se vi affidate a un ISP esterno potreste non avere scelta. Comunque, se optate per una soluzione in co-location o interna, allora dovreste considerare le seguenti questioni:

• Costo: il software open source come Unix e Linux è, effettivamente, gratuito, o comunque a un costo molto basso, ma non è disponibile un’assistenza convenzionale. I prodotti Microsoft hanno un costo, ma l’assistenza da parte del fornitore è prontamente disponibile;

• Affidabilità: l’opinione generale è che il software open source fornisca un sistema più affidabile rispetto a Microsoft, che spesso necessita l’installazione di release di servizio per riparare problemi noti o bug del sistema;

• Competenze: c’è una grande abbondanza di persone con conoscenze relative ai prodotti Microsoft rispetto ad altri sistemi operativi. Questo potrebbe essere importante per la vostra decisione. Anche se il vostro server è ospitato presso un ISP potrebbe essere necessario un lavoro tecnico sul vostro sito che comporti la conoscenza del sistema sottostante;

• Caratteristiche: c’è una differenza tra le caratteristiche disponibili su ogni tipo di server. Su un server Microsoft è possibile ospitare le sue applicazioni per database. Access per esempio Una macchina Unix richiederebbe applicazioni differenti. E’ per questo importante decidere in anticipo le funzioni che si intende implementare sul sito web prima di prendere una decisione;

• Sicurezza: questo è un aspetto di vitale importanza nell’ambiente di hosting. Unix ha dimostrato di essere molto sicuro da intrusioni esterne e virus, e ha la flessibilità di poter configurare il sistema di conseguenza. La maggior parte degli attacchi esterni prende di mira i server Microsoft per sfruttare alcune vulnerabilità note nel sistema operativo.

Sul sistema operativo viene installato il software che effettivamente si occupa dell’hosting web. I più popolari sono Apache (Unix) e Internet Information Server – IIS (Microsoft). Questi si occupano di tutto ciò che ha a che fare con l’hosting delle pagine web, si occupano delle richieste delle pagine da parte dei visitatori e utilizzano programmi e script di vario genere.

Hardware

La macchina su cui tutto risiede può essere vista come un PC più evoluto rispetto a quelli che usiamo generalmente a casa. In realtà si tratta di hardware specializzato con particolari caratteristiche che lo rendono più affidabile rispetto ad un comune PC. Le maggiori case produttrici includono Sun Microsystems, Dell, HP e Compaq.

Ci sono anche macchine particolari dedicate all’hosting web, note come dispositivi server, come il Cobalt di Sun Microsystems, che sono realizzati per assolvere compiti specifici attraverso una relazione più stretta tra software e hardware. Solitamente sono pre-configurati con il software per il server web, il server di posta, DNS, sistema operativo e supporto per particolari applicazioni. E’ possibile amministrarle a distanza attraverso una interfaccia web che permette di mantenere, configurare e operare modifiche.

Ampiezza di banda

Quando il vostro server è connesso ad Internet la velocità del sito, per esempio quanto rapidamente risponde alle richieste, dipende dalla ampiezza di banda. In pratica, la banda è la quantità di traffico consentita tra il vostro sito e il resto della rete Internet. La quantità di banda fornita a un server è determinata dalla quantità delle connessioni di rete. La velocità non dipenderà solo da quanto spesso il sito è richiesto, ma anche dai tipi di file ai quali gli utenti accederanno. Per empio una pagina web contenente un file HTML peserà circa 50KB, mentre una file con una canzone in MP3 si aggirerà intorno ai 4MB.

Quindi se prevedete che il vostro sito genererà molto traffico per il fatto che i vostri file peseranno molto, richiederete maggiore banda per la connessione del vostro server. Diversamente il sito sarebbe poco performante. Se optate per una soluzione con server interno dovrete considerare anche il costo di una connessione ad alta velocità (o a banda larga). D’altra parte se scegliete un ISP esterno, il costo della connessione sarà ridotto e adattato alle esigenze del cliente.

Assicurarsi che il server web abbia sufficiente banda per funzionare adeguatamente è un elemento chiave nella scelta del piano di hosting.

 

Altre caratteristiche

Vale la pena considerare quali altre caratteristiche dovrebbero essere disponibili sul vostro host. Alcune delle seguenti possono essere direttamente parte del sistema operativo o del software del server web, altre dovranno essere installate separatamente:

Server di posta: il server deve supportare le caselle di posta elettronica per il sito, specialmente se la posta verrà spedita tramite lo stesso nome a dominio. In questo caso dovrà essere in grado di gestire la posta in arrivo e in uscita, le caselle di posta degli utenti e qualunque altra necessità come la redirezione dei messaggi.

FTP: l’upload (caricamento) e il download (scaricamento) di pagine o qualunque altro componente dal vostro sito è gestito utilizzando il protocollo di trasferimento file (File Transfer Protocol – FTP).Sul sistema sarà installato quindi un server FTP. Una variante dell’FTP è l’FTP Aninomo con il quale gli utenti possono, senza password, scaricare file che voi avrete reso loro disponibili. L’Amministratore del server può prevedere limiti alla quantità di dati e connessioni simultanee che accedono alle directory FTP.

SSH: solo amministratori esperti dovrebbero usare SSH, che consente l’accesso diretto ai file sul server quindi la possibilità di modificare parti del sistema. Questo è un componente vitale e dovrebbe essere installato, con l’accortezza di assicurarsi che l’accesso sia il più possibile riservato e sicuro.

Estensioni FrontPage: se il vostro sito è realizzato utilizzando il software FrontPage di Microsoft, occorre aggiungere le sue componenti essenziali. Sarà necessario installare e abilitare le estensioni di FrontPage sul server. La maggior parte dei server le implementa come standard, e gli ISP le rendono disponibili direttamente come parte del servizio.