CENTR: il mercato dei domini nel Q3 2017

Il CENTR (Council of European National Top-Level Domain Registries) ha rilasciato in questi giorni il DomainWire Global TLD Report aggiornato al terzo trimestre dell’anno (Q3 2017). Solitamente ci dedichiamo alla sola analisi del report Verisign ma il CENTR è in grado di offrirci informazioni più precise sull’andamento del mercato dei domini nel Vecchio continente.  Prima di […]

GDPR e ccTLD: le intenzioni dei Registri UE

Il tema “GDPR e domini” rimane ancora uno dei più seguiti dai portali specializzati. Domain Incite ci informa ad esempio di una lettera inviata dal CENTR (Council of European National Top Level Domain Registries) all’ICANN e nella quale si offre una panoramica circa i processi di elaborazione/attuazione delle vigenti policy di trattamento dei dati e delle possibili modifiche […]

Dominio .IT: 3 milioni di estensioni registrate

  Registro.it ha ufficializzato il raggiungimento dei 3 milioni di domini .IT. L’importante traguardo è stato tagliato grazie ad abbigliamentoludica.it che entra involontariamente nella storia del ccTLD italiano. L’Istituto di informatica e telematica del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa (Iit-Cnr), che si occupa di .IT fin dal primo dominio registrato nel Dicembre del 1987 (cnuce.cnr.it , […]

Verisign, Q1 2015 positivo per il mercato domini

Verisign ha diffuso alcuni giorni fa un’infografica dedicata all’andamento del mercato dei domini nel primo trimestre 2015 (Q1 2015). I dati indicano una contenuta ma positiva crescita rispetto all’ultimo trimestre del 2014: le registrazioni dei TLD a livello globale aumentano dell’1.9% (+6 milioni rispetto al Q4 2015) per una base complessiva pari a 294 milioni di TLD (+6.5% /+17.8 milioni […]

ccTLD importanti per i siti internazionali? Scopriamolo insieme – parte 2

Diversi esperti SEO concordano nell’affermare che ccTLD sono importanti ai fini del posizionamento sui motori di ricerca, soprattutto per le imprese locali. Ma questa assunzione è valida anche per i siti internazionali che puntano ad un mercato globale? Nella prima parte di questo articolo abbiamo introdotto uno studio il cui obiettivo è proprio quello di comprendere se effettivamente i ccTLD sono necessari anche ai siti internazionali o in tal caso basta affidarsi ai gTLD e fare uso di strumenti come tag hreflang e sottocartelle per ogni lingua, per migliorare il proprio posizionamento nella SERP di Google.

ccTLD importanti per siti internazionali? Scopriamolo insieme – 1

Dal punto di vista SEO, sono davvero in molti gli esperti che raccomandano l’uso dei ccTLD alle aziende internazionali a causa dei segnali geo che vengono inviati a Google. I ccTLD sono, infatti, dei domini di primo livello nazionali (Country Code Top Level Domain) che si riferiscono a stati o territori indipendenti e sono caratterizzati da due lettere.

Nuovi gTLD, il bilancio ufficiale ICANN sui primi 12 mesi

  Con l’arrivo dei dati riferiti al mese di Dicembre 2014, è nuovamente tempo di bilanci per l’ICANN ed il mercato dei domini. Se tabelle, cifre e grafici vari sono soliti non entusiasmare i lettori, in questo caso potrebbero suscitare maggiore interesse: il report offre infatti una panoramica sui primi 12 mesi di vita dei nuovi gTLD, il cui esordio […]

Crisi: domini .it ed abbandono della Rete

Gli effetti della crisi che accompagna ormai l’Italia da diversi anni si fanno sentire anche in Rete. Secondo uno studio di settore effettuato dal Registro, l’anagrafe dei popolari e richiesti domini con estensione .it, il numero di imprese che ha abbandonato nell’ultimo anno la proprià identità digitale, e quindi il Web, ha raggiunto lo scorso anno […]

ICANN e i problemi di collisione dei nomi anche per i ccTLD

Il problema della collisione dei nomi per le estensioni gTLD non è una rarità e non è certo un argomento nuovo. Si potrebbe dire che il tema sia tornato sotto i riflettori con l’avvento delle nuove estensioni gTLD rilasciate dall’ICANN all’inizio del 2014, come dimostra, ad esempio, il caso dell’estensione .prod mantenuta da Google. In realtà, però, il problema della collisione dei nomi potrebbe andare ben oltre i gTLD e colpire anche i nuovi ccTLD, a tal punto da spingere l’ICANN a prendere provvedimenti