ThunderX, il SoC ARM disponibile sul mercato

Cavium ha ufficialmente avviato la vendita dei SoC ThunderX basati su architettura ARM 64bit. Inizia un difficile periodo per Intel?

Lo scorso Giugno, Cavium aveva annunciato il lancio di ThunderX, un SoC (system on a chip) basato su architettura ARM V8 a 64bit. Nella giornata di ieri l’azienda ha finalmente ufficializzato la disponibilità del prodotto sul mercato.

I SoC Cavium dovrebbero segnare teoricamente la riscossa “a 64bit” di ARM in un settore dominato dai prodotti x86 Intel. Abbiamo già parlato sulle pagine di HostingTalk dell’arrivo, previsto per il 2015, delle soluzioni ARM Qualcomm (uno dei player principali in ambito SoC mobile) e delle potenzialità dell’architettura in generale (efficienza dei consumi e dimensioni contenute dei chip); ma riusciranno effettivamente a conquistare nuove quote di mercato?

Cavium+ThunderX+boardTornando in ogni caso a ThunderX, Cavium ha avviato la commercializzazione delle seguenti tipologie di prodotto: ThunderX_CP (destinato ai workloads), ThunderX_ST (per il cloud storage), ThunderX_NT (per le applicazioni di rete), ThunderX_SC (secure computing).

Ciascun SoC disporrà di 48 core: in caso di deployment dual socket la piattaforma ThunderX disporrà quindi di 96 core e potrà supportare fino ad 1TB di RAM DDR4 (server memory) operante alla frequenza di 2400MHZ.

La divisione software dell’azienda ha inoltre ottimizzato la propria distribuzione Linux per funzionare al meglio con i nuovi SoC. Cavium avrà inoltre dalla sua importanti partner come Red Hat e Canonical che a loro volta supporteranno ThunderX nelle proprie distribuzioni.

“ThunderX è il nostro processore ARMv8 multi-core di punta che possiede il più elevato numero di core ed il più completo set di I/O e acceleratori del mercato. ThunderX  […] consentirà ai nostri clienti di disporre delle […] migliori perfomance della categoria” ha dichiarato Gopal Hegde (VP/GM – Data Center Processor Group Cavium).