Trasferire WordPress da un hosting a un altro in 7 step

Trasferire WordPress è un'operazione che richiede attenzione, ma basta seguire le giuste indicazioni per rendere semplice un lavoro in apparenza complicato

Molti utenti si trovano in difficoltà quando devono trasferire WordPress da un hosting a un altro all’interno dello stesso provider o da un piano hosting di un qualsiasi operatore a un altro come Aruba. In realtà, applicando le dovute accortezze e seguendo passo dopo passo le istruzioni che seguono, c’è la possibilità di trasferire WordPress senza troppe difficoltà e, soprattutto, senza ritrovarsi di fronte a brutte sorprese.

La prima tematica da affrontare è: nel trasferimento, si cambierà cartella di installazione del CMS? Cambierà il dominio? Se si, allora bisognerà avere qualche attenzione in più. In caso contrario, basterà effettuare una piccola modifica ai record DNS per far puntare lo stesso dominio a un hosting diverso.

Procediamo per gradi e quando necessario faremo le dovute distinzioni operative.

Per prima cosa, acquistiamo il nuovo hosting, scegliendolo fra un catalogo opportuno, come potrebbe essere quello di Aruba, che mette a disposizione dei piani hosting Linux utili a ospitare WordPress e che facilitano la vita degli utenti attraverso l’Application Installer, con cui installare il noto CMS in pochi clic.

Una volta effettuato l’acquisto e ricevute le password di accesso ai servizi FTP e ai database MySQL, bisogna recuperare i dati di login dei servizi FTP e MySQL dell’hosting cedente, ossia quello su cui il sito WordPress si trova prima del trasferimento.

Con tutti gli accessi necessari, trasferire WordPress diventa un gioco da ragazzi!

Primo step per trasferire WordPress: download dei file via FTP

Collegarsi tramite un client FTP qualsiasi, come il gratuito e open source FileZilla, al servizio FTP dell’hosting cedente. Individuare la cartella in cui il sito WordPress è ospitato e scaricarla in locale in una posizione del PC, semplicemente selezionando tutti i file presenti nel pannello di destra del client e trascinandoli con un drag&drop nel pannello di sinistra.

Trasferire WordPress da un hosting a un altro in 7 step

Attenzione: se i file sull’hosting cedente non sono in una cartella, ma nella root, è necessario copiarli così come sono e solo successivamente deciderne il da farsi, scegliendo se racchiuderli in una sottocartella nell’hosting di destinazione. Un’altra accortezza riguarda l’accesso FTP. Bisogna ricordarsi che Aruba filtra gli accessi FTP attraverso l’indirizzo IP, per cui prima di collegarsi al servizio hosting via FTP è necessario assicurarsi che l’indirizzo IP del proprio computer sia autorizzato ad accedervi. Qui, la procedura necessaria.

Secondo step per trasferire WordPress: esportazione del database tramite phpMyAdmin

Collegarsi alla console phpMyAdmin ed effettuare l’importazione del database. Se il piano cedente si trova su Aruba, così come il piano di destinazione, è sufficiente caricare la pagina di accesso al phpMyAdmin, autenticarsi con i dati inviati all’epoca dell’attivazione e accedere al pannello.

Trasferire WordPress da un hosting a un altro in 7 step

Dalla lista a sinistra, scegliere il database su cui WordPress ha memorizzato i dati e cliccarci di sopra con un clic sinistro del mouse. Per essere sicuri che sia il database corretto, è sufficiente verificare nella schermata che compare che vi siano le tabelle con nomi che cominciano per wp_ (a meno che non si sia personalizzato il nome delle tabelle in fase di installazione del CMS; in quel caso, è necessario verificare che le tabelle corrispondano al suffisso prescelto).

Trasferire WordPress da un hosting a un altro in 7 step

Cliccare sul pulsante Esporta e poi su Esegui. Verrà scaricato in locale un file in formato SQL.

Questo file non deve essere modificato a meno che non vi siano condizioni particolari. Ad esempio, se oltre l’hosting cambia il dominio o se cambia la destinazione dell’installazione WordPress (ad esempio nel trasferire WordPress, i file del CMS finiscono in una sottocartella), è bene aprire il file SQL con un editor per linguaggi di programmazione o con Notepad (evitare di usare Word o altri programmi di videoscrittura). Qui, con la funzione cerca&sostituisci, bisogna individuare tutte le occorrenze che fanno riferimento all’URL e sostituirle con quelle nuove. Per capire meglio: per trasferire WordPress da un hosting con un dominio come www.arubahostingtalktest.it/wordpress a www.arubatest.it, sarà sufficiente trovare tutte le occorrenze del primo valore (www.arubahostingtalktest.it/wordpress) e sostituirle con il secondo (www.arubatest.it). Salvare infine il file. Queste modifiche mettono al riparo da eventuali problemi di indirizzamento e permettono di evitare complicate configurazioni a livello di record DNS e a livello di file HTACCESS per i redirect.

Trasferire WordPress da un hosting a un altro in 7 step

Terzo step per trasferire WordPress: nuova configurazione del file wp-config.php

Fra i file che abbiamo scaricato dal servizio FTP, bisogna cercare il wp-config.php, che si trova normalmente nella cartella principale in cui sono salvati tutti i file di WordPress. Una volta individuato, aprire il file con un editor di testo per linguaggi di programmazione, come il Notepad di Windows o qualsiasi altro, purché si eviti di usare Word e altri programmi di videoscrittura. Scorrere quanto visualizzato e trovare la dicitura ***Il nome del database di WordPress***. Da qui, per le sette righe successive, bisognerà cambiare le informazioni presenti. Nello specifico, cercare la dicitura:

  • define(‘DB_NAME’, ‘vecchio_nome _db’)
    e al posto di vecchio_nome _db, digitare  il nuovo nome del database che si trova associato al nuovo piano hosting di destinazione;
  • define(‘DB_USER’, ‘vecchio_nome_utente_db’)
    e al posto di vecchio_nome_utente_db, digitare il nuovo nome utente del database che si trova associato al nuovo piano hosting di destinazione;
  • define(‘DB_PASSWORD’, ‘vecchio_password’)
    e al posto di vecchia_password, digitare la nuova password del database che si trova associato al nuovo piano hosting di destinazione;
  • define(‘DB_HOST’, ‘vecchio_host’)
    e al posto di vecchio_host, digitare il nuovo indirizzo IP o host del database che si trova associato al nuovo piano hosting di destinazione.

Trasferire WordPress da un hosting a un altro in 7 step

Salvare il file con le modifiche.

Quarto step per trasferire WordPress: caricare i file nel nuovo servizio FTP

Collegarsi con il client FTP al nuovo spazio FTP del nuovo servizio hosting dove trasferire WordPress. Una volta dentro, copiare i file di backup salvati in locale sul nuovo FTP. L’eventuale cartella di destinazione e/o la scelta della root come destinazione deve essere effettuata in accordo alle modifiche al database SQL suggerite poc’anzi nello step 2. Per trasferire i file, selezionarli nel riquadro di sinistra e spostarli a destra con un drag&drop.

Trasferire WordPress da un hosting a un altro in 7 step

Quinto step per trasferire WordPress: importare il file SQL sul nuovo database

Autenticarsi al servizio phpMyAdmin del nuovo hosting e accedere al database associato. Una volta dentro, scegliere dalla colonna di sinistra il database su cui importare il vecchio DB WordPress e cliccarvi sopra con il tasto sinistro del mouse. Cliccare su Importa, scegliere il file dal PC con un clic su Scegli file e confermare con un clic su Esegui. Attendere che l’importazione abbia termine.

Sesto step per trasferire WordPress: modifiche al file HTACCESS

Se ci sono state modifiche alla cartella di installazione di WordPress e si sono effettuati i cambiamenti al file SQL come indicato nel secondo step, allora è necessario anche apportare delle modifiche al file .HTACCESS. Nello specifico, nel file .HTACCESS bisogna individuare il blocco delle istruzioni comprese fra #BEGIN WordPress e #END WordPress e sistemare le condizioni riportate nel RewriteRule, indicando il nome della cartella (o togliendolo in caso contrario):

da RewriteRule ./index.php a RewriteRule ./nomecartella/index.php (e viceversa)

Inoltre, se da una sottocartella di WordPress si passa a salvare i file nel root del nuovo hosting, bisogna eliminare dal file .HTACCESS la dicitura RewriteBase e il suo valore.

Settimo step per trasferire WordPress: le verifiche

A questo punto, se c’è un nuovo dominio associato al nuovo hosting, aprire il browser, digitare l’indirizzo del nuovo dominio e verificare che sia tutto in ordine. In caso in cui il dominio rimanga lo stesso, bisogna prima modificare il file hosts (che si trova in C:\Windows\System32\Drivers\etc), inserendo all’ultima riga la dicitura:

XXX.XXX.XXX.XXX www.mioindirizzo.miaestensione

dove XXX.XXX.XXX.XXX è l’indirizzo IP del nuovo hosting. Una volta salvato il file, aprendo il browser e digitando l’indirizzo URL www.mioindirizzo.miaestensione vedremo le pagine ospitate presso il nuovo hosting. Se tutto è conforme all’originale, bisogna procedere alla modifica dei DNS secondo le istruzioni del proprio provider, ricordando che servono almeno 24/48 ore affinché i DNS aggiornati entrino in funzione (per i normali tempi di propagazione DNS)

Step bonus per trasferire WordPress: alcune verifiche supplementari

Servendosi del servizio online BrokenLinkCheck.com (gratuito per scansioni fino a 3000 pagine) è possibile verificare se vi sono link corrotti sul WordPress trasferito e porre rimedio. Allo stesso modo, direttamente alla console di amministrazione di WordPress è possibile installare il plugin Broken Link Checker.

 

ArubaQuesto articolo è offerto da Aruba.it. Aruba gestisce una propria rete di Data Center a livello Europeo ed è leader nell’erogazione di servizi di hosting condiviso in Italia con oltre 1 milione di clienti attivi. L’offerta di hosting condiviso include diverse soluzioni per il singolo professionista o l’azienda, verifica la migliore per te.  Aruba S.p.A., fondata nel 1994, è la prima società in Italia per i servizi di web hosting, e-mail, PEC e registrazione domini, la società gestisce oltre 2 milioni di clienti. In aggiunta ai servizi di web hosting, Aruba fornisce anche tutti una serie di servizi come server dedicati, housing e colocation o servizi managed. Aruba propone anche tutte le soluzioni nell’ambito dell’e-Security, come la firma digitale, la PEC e la conservazione sostitutiva.