VMware si allea con Docker per il settore enterprise

VMware lavorerà con Docker e con Google per semplificare l'uso dei container anche nelle aziende che utilizzano infrastrutture virtualizzate

Si dice sempre, se non puoi combatterlo da nemico, fattelo amico. Se sia questo il ragionamento che i manager di VMware abbiano fatto oppure no, l’importante è rilevare che la nota aziende operante nell’ambito della virtualizzazione abbia deciso di collaborare con Docker per aiutare le enterprise e i loro settori IT a eseguire e gestire le applicazioni pacchettizzate su una piattaforma comune.VMware si allea con Docker per il settore enterprise

In questo modo, le aziende potranno sfruttare la propria infrastruttura VMware esistente per eseguire e gestire il pacchetto Docker o il pacchetto all’interno di una macchina virtuale in modalità PaaS, con la stessa facilità con cui attualmente gestiscono le macchine virtuali semplici.

Dei pacchetti Docker abbiamo già parlato molte volte e abbiamo già avuto modo di notare che questa tecnica permette di confezionare un’applicazione in modo da renderla portable in diversi ambienti, data center e cloud, separando l’applicazione dall’infrastruttura e applicando il principio del “write once, run anywhere”.

Docker, pur non essendo una tecnologia di virtualizzazione in tutto e per tutto, ha dei vantaggi di non poco conto rispetto ai concorrenti hypervisor, che godono, ovviamente, di funzionalità molto più avanzate.

Il recente interesse di grandi colossi IT come Google, IBM, Microsoft e Red Hat e gli ultimi finanziamenti hanno però solleticato la preoccupazione di alcuni player della virtualizzazione, che potrebbero ben presto trovarsi a dover competere con un concorrente di cui fino a ora non si erano minimamente preoccupati.

I termini della collaborazione fra Docker e VMware

Da qui può essere scaturita l’alleanza: Docker e VMware collaboreranno per l’interoperabilità tra i portfolio prodotti di entrambe e lavoreranno per abilitare l’esecuzione del Docker Engine sui workflow VMware di vSphere e vCloud Air, in tutti i processi che portano dalla progettazione al deploy delle macchine virtualizzate.

I due alleati coopereranno anche sul fronte open source, sulle librerie libswarm, libcontainer e libchan. Inoltre, si presume che VMware e Docker si troveranno anche quanto prima a collaborare sull’interoperabilità di Docker Hub con VMware vCloud Air, VMware vCenter Server e VMware vCloud Automation Center.

L’aiuto a Docker non è solamente diretto. Di recente, VMware si è unito alla community interessata al progetto open source Kubernetes e sta lavorando affinché i modelli, le API e gli strumenti di Kubernetes vengano messi a disposizione delle imprese che scelgono VMware per la propria infrastruttura IT.

Nell’ambito del progetto di Google, VMware ha contribuito a portare il codice Kubernetes in VMware vSphere, il sistema operativo di virtualizzazione cloud computing, in modo da rendere ancora più facile l’uso dei contenitori Docker. Inoltre, Google e VMware lavoreranno insieme per il porting del modello Open vSwitch con l’obiettivo di consentire in Kubernetes l’integrazione multi-cloud.

Accanto a VMware, anche Pivotal collaborerà con Docker per migliorare il progetto libcontainer con lo scopo di aggiungervi le funzionalità di Warden, una tecnologia Linux Container sviluppata in origine da VMware per Cloud Foundry.

“Il team di Pivotal è un fan di Docker,” ha scritto Ferran Rodenas, ingegnere Pivotal, “crediamo fermamente che PaaS e contenitori Docker siano un’ottima accoppiata e che questi ultimi siano capaci di garantire quella semplicità necessaria nella configurazione e condivisione di un’immagine coerente per la portabilità delle applicazioni”.