Webfarm tour; Monaco, i datacenter di Level3 e Global Crossing

HostingTalk.it ha visitato due importanti datacenter tedeschi: la serverfarm di Level3, una delle piu importanti compagnie di telecomunicazioni al mondo, e quella di Global Crossing, datacenter collocato nel centro cittadino di Monaco. Nell'articolo tutti i dettagli sulle strutture e sulla connettivita, oltre alle foto scattate durante la visita. Introduzione Prosegue il nostro viaggio per i datacenter italiani ed europei, dopo aver inaugurato il nostro tour con la visita al datacenter di Aruba ad Arezzo, a Novembre 2007 abbiamo deciso di spingerci oltre confine e andare a visitare due datacenter europei, situati a Monaco di Baviera.

Il Datacenter di Global Crossing

Il Datacenter di Global Crossing

Il Datacenter di Global Crossing è posto al centro della città di Monaco, nei pressi della stazione ferroviaria, ed è stato allestito all’interno di un edificio del centro riadattato per ospitare la struttura: è chiaramente identificabile la parte di edificio (3 piani complessivamente) dedicati a Global Crossing, le pareti esterne sono state infatti “chiuse” con l’eliminazione di qualsiasi finestra o apertura all’esterno.

DSC00377.JPG

Si tratta di un dettaglio che Incubatec ci ha fatto notare da subito sia qui, sia nel datacenter di Level3, gli edifici sono solitamente completamente “isolati” dal mondo esterno, per impedire qualsiasi intrusione o problema, per questo motivo le sale contenenti le macchine e le apparecchiature sono prive di qualsiasi finestra o vetrata, anche ai piani superiori.

DSC00380.JPG

Come detto la visita al datacenter di Global Crossing non è stata completa, l’edificio infatti attualmente ha un intero piano dedicato ad unico cliente, Google, che proprio poche settimane prima della nostra visita ha iniziato a portare i suoi server all’interno del datacenter; la struttura copre in totale una superficie di 3500 mq dedicati interamente alle attività di datacenter.

DSC00385.JPG

Vista la collocazione nel centro cittadino di Monaco, è stato per noi curioso notare come nel sottorraneo sia presente un vero e proprio “garage”, con piattaforma rotante, utilizzato sia per il centro commerciale annesso all’edificio, sia per l’arrivo di grossi tir contenenti rack e server, come è avvenuto proprio di recente per il trasferimento di Google.

Differentemente da quanto abbiamo visto per il dc Level3, all’interno di questa struttura le norme di sicurezza prevedono un ingresso nelle sale tramite badge elettronico, e al contempo una protezione degli accessi simile a quella di Level3, l’apertura di nuove porte nei corridoi avviene solamente una volta che tutte le altre risultano chiuse correttamente.

DSC00404.JPG

Tra i clienti di Global Crossing ci sono soprattutto compagnie di telecomunicazioni, providers e clienti di tipologia business e privata; nel nostro tour all’interno delle sale abbiamo potuto notare la presenza di numerosi rack indicanti il nome di compagnie telefoniche o operatori di servizi di comunicazione.

La scelta di una collocazione come quella offerta da Global Crossing avviene in virtù di prezzi inferiori, soprattutto per la connettività, oltre a una scelta di carriers molto vasta: Tiscali, KPN, Global Crossing, Deutsche Telekom, Telecom Austria, Colt, Lambdanet, Link, Telia-Sonera.

Presente anche un collegamento con i maggiori internet exchange europei, tra cui il DeCIX (il più importante in Germania), SWISS-IX, N-IX, AMSIX ed il VIX (internet exchange viennese, utilizzato soprattutto per il traffico verso i nuovi stati membri europei e per il collegamento con l’internet exchange di Bratislava).

Server24 attualmente utilizza all’interno della struttura tre diversi carriers: KPN, Global Crossing e IPX, la struttura della compagnia è inoltre collegata direttamente con il datacenter di Level3 tramite una connessione in fibra con capacità di 1Gb/s.