WooCommerce: pagine, inventario e tasse – Lezione 3 della Guida

Proseguiamo il nostro cammino alla scoperta del software WooCommerce, al fine di trasformare il sito WordPress in un vero e proprio portale di e-commerce. In particolare in questa lezione ci soffermeremo sulle configurazioni principali che riguardano le pagine statiche del sito, la gestione dei prodotti presenti in magazzino e le imposte da applicare alle vendite

Nella terza lezione della guida dedicata a WooCommerce proseguiamo con la configurazione delle impostazioni principali del plugin, al fine di trasformare il nostro sito WordPress in un vero e proprio portale di e-commerce.

Dopo aver analizzato, nella precedente lezione, le impostazioni generali e quelle che riguardano il catalogo, in questa lezione ci occuperemo delle impostazioni che riguardano le pagine statiche del sito, l’inventario, ossia la gestione dei prodotti in magazzino, e le tasse, ossia le imposte e aliquote correlabili alle vendite.

Configuriamo le pagine di WooCommerce

Iniziamo dalla configurazione delle pagine del portale di e-commerce. Dal back end del sito facciamo clic, nella sezione WooCommerce, sulla voce Impostazioni. Portiamoci, quindi, nella scheda Pagine.

Prima di procedere, ricordiamo che al termine dell’installazione del plugin, ci era stato richiesto se si voleva procedere con l’installazione delle pagine di esempio o in alternativa saltare questa configurazione (vedi immagine).

WooCommerce attivazione

Tutti coloro che hanno deciso di fare clic sul pulsante Installare le pagine WooCommerce, troveranno tra le proprie pagine di WordPress delle schede aggiuntive che sono state caricate direttamente dal plugin: si tratta delle pagine statiche che riguardano il carrello, la password, il pagamento e così via.

WooCommerce pagine

Tutti coloro che hanno scelto di saltare la configurazione, si troveranno a dover ricreare queste pagine manualmente.

All’interno della scheda Pagine, nella sezione Setup pagina è necessario indicare dapprima la pagina principale del negozio di e-commerce (home page dello shop online) e a seguire quella delle condizioni generali. Per quanto riguarda la prima lasciamo pure indicata la pagina Shop, che è stata creata automaticamente da WooCommerce. Per quanto concerne la seconda bisognerà dapprima procedere con la creazione. Per sapere come generare una pagina in WordPress vi rimandiamo a questa lezione della guida dedicata al software più popolare per la progettazione di siti Internet.

Procediamo ora con le impostazioni che riguardano la sezione Pagine Shop. Per ogni voce è necessario indicare la relativa pagina di WordPress. Affinchè il portale di e-commerce funzioni correttamente saranno richieste le pagine del: Carrello, Checkout (cassa), Pagamento, Ringraziamento (conferma di ordine ricevuto), Il mio account (pagina riassuntiva del proprio profilo utente), Modifica indirizzo (pagina da dove modificare il proprio indirizzo di spedizione), Vedi ordine (riepilogo ordine), Cambia la password, Logout, Password smarrita (richiesta nuova password).

Per tutti coloro che hanno installato le pagine di esempio di WooCommerce, queste configurazioni sono settate di default. Al contrario, chi ha scelto di generare da se le schede, deve indicare per ogni singola voce la relativa pagina da associare.

Al termine facciamo clic su Salva modifica per rendere effettive le impostazioni.

Un Inventario per il WooCommerce

Spostiamoci ora nella scheda Inventario. Tramite questa voce in WooCommerce è possibile gestire le scorte di magazzino dei prodotti. Vediamo di seguito come settare le impostazioni principali.

WooCommerce Inventario

Da Opzioni inventario possiamo Abilitare la gestione delle scorte apponendo un segno di spunta sulla voce omonima. Nell’impostazione a seguire indichiamo il numero di minuti oltre i quali, per gli ordini il cui pagamento non è ancora giunto, i prodotti saranno ritenuti nuovamente disponibili all’acquisto da parte di terzi, sbloccando di fatto le scorte (Mantenere scorte minuti).

La terza voce riguarda le Notifiche. Apponendo dei semplici segni di spunta possiamo abilitare le notifiche quando le scorte divengono basse oppure quando la merce non è più disponibile. A seguire dobbiamo indicare l’indirizzo email al quale vogliamo giungano le notifiche sopra abilitate.

Con la voce Soglia per scorta in esaurimento indichiamo il numero dei prodotti minimo, al raggiungimento del quale viene inviata la notifica di esaurimento scorte di cui sopra. Stesso dicasi per ciò che concerne la voce Soglia per scorta non disponibile, che rappresenta il numero di prodotti al di sotto del quale la merce deve essere considerata non disponibile (generalmente 0).

Per la merce non disponibile in magazzino, possiamo decidere di eliminarla dal catalogo online e quindi renderla invisibile agli utenti finali. Per far ciò dobbiamo applicare il segno di spunta alla voce Nascondi gli articoli fuori stock dal catalogo.

Inoltre, possiamo decidere se mostrare ai clienti la disponibilità della merce in magazzino o meno (Formato di visualizzazione dello stock), o se mostrarla solo quando i pezzi a disposizione sono pari o minori della Soglia per scorta in esaurimento indicata ai passi precedenti.

Al termine della configurazione facciamo clic sul pulsante Salva Modifiche.

Tutte le imposte sulla vendita!

A questo punto spostiamoci nella scheda Tassa. All’interno di questa sezione configureremo tutte le impostazioni che riguardano le imposte da applicare alle vendite.

WooCommerce tasse

Il primo passo da compiere è quello di abilitare la funzione apponendo un segno di spunta alla voce Abilita imposte e calcoli fiscali. A seguire possiamo scegliere se far visualizzare ai clienti i prezzi già comprensivi di tasse o al netto di imposta (Prezzi inseriti con imposte).

Le tasse sulla vendita possono variare in funzione non solo dei prodotti ma anche dei luoghi di spedizione. Pertanto alla voce Calcolo tassazione riferita a dobbiamo indicare se valutare le tasse in funzione dell’indirizzo di spedizione, dell’indirizzo di fatturazione o dell’indirizzo di base del negozio.

Per ciò che concerne le spese di spedizione, l’Aliquota può essere valutata sulla base dei prodotti presenti nel carrello o come aliquota standard. È anche possibile indicare eventuali aliquote aggiuntive nel box a seguire.

Al termine della scheda possiamo scegliere se far visualizzare i prezzi nel carrello tasse escluse o incluse.

Facciamo quindi clic su Salva le modifiche.

Nella prossima lezione vedremo come settare le impostazioni che riguardano la spedizione, i metodi di pagamento accettati e le email da inviare ai clienti.

Continuate a seguirci!