YouTube e Fair Use, la via d’uscita per il copyright esiste

1.6 miliardi di dollari per avere fra le mani una piattaforma video che e la piu nota al mondo ma che sta creando anche diversi problemi legali a Google: le richieste di rimozione dei contenuti coperti da copyright sono sempre piu frequenti e a pagarne le spese sono gli utenti, che vedono sparire dal sito migliaia di filmati ogni mese. Si tratta ovviamente di un diritto per chi detiene il copyright, soprattutto perche YouTube ha regolamentato queste richieste e ha reso automatica la procedura di eliminazione.

1.6 miliardi di dollari per avere fra le mani una piattaforma video che è la più nota al mondo ma che sta creando anche diversi problemi legali a Google: le richieste di rimozione dei contenuti coperti da copyright sono sempre più frequenti e a pagarne le spese sono gli utenti, che vedono sparire dal sito migliaia di filmati ogni mese. Si tratta ovviamente di un diritto per chi detiene il copyright, soprattutto perchè YouTube ha regolamentato queste richieste e ha reso automatica la procedura di eliminazione. 

La compagnia ha una serie di partners che possono richiedere la eliminazione dei contenuti comunicando i filmati incriminati. Il programma si chiama Content ID, come scrive la compagnia in un post, e non permette tuttavia di capire se il filmato violi realmente il copyright o meno. Google ha voluto esser molto democratica e ha parlato però anche della possibilità di ricorrere al Fair Use per gli utenti, principio che potrebbe rendere un video perfettamente legale e quindi visibile all’interno della piattaforma online. 

Cosa implica tutto ciò? Gli utenti autori dei video di YouTube possono ora contestare la rimozione di un video online sul principio del Fair Use, il contenuto verrà rimesso online e sarà valutata la legittimità dello stesso nello stare online, pubblicamente. Si tratta di un passo verso la regolamentazione definitiva della piattaforma, per non rischiare di incorrere nuovamente in cause come quella di Viacom, ma per mostrare anche un buon grado di trasparenza nella gestione del servizio, sia verso i detentori del copyright sia verso gli autori dei video, che utilizzando la piattaforma contribuiscono allo sviluppo e agli incassi di Google. 

Un’ottima mossa per Google, accusata da tempo di avere in YouTube una piattaforma che genera miliardi di visualizzazioni sulla base di contenuti protetti da diritti e non sulla base di filmati amatoriali degli utenti, lo spirito con cui viene promossa la piattaforma e il progetto originale.